In offerta!

Un’americana a Treviso

20,00 17,00

LA SAGA DEI BOTTER IN UN LIBRO. Una giovane artista bellissima ed anticonformista giunta in Italia per frequentare l’Accademia di Belle Arti di Venezia, un giovane restauratore coraggioso e intraprendente che ha salvato  con il padre gran parte delle opere d’arte trevigiane dalla distruzione del secondo conflitto mondiale, una storia d’amore appassionata sullo sfondo di Treviso e del Veneto nella rinascita del dopoguerra.

 

Leggi tutto

Informazioni aggiuntive

Peso 1.154 kg
Dimensioni 22 × 22 cm
Autore

Anno

Formato

Pagine

EAN

Descrizione

UN’AMERICANA A TREVISO: LA SAGA DEI BOTTER IN UN LIBRO.

Un'americana a Treviso_DBS ZanettiUna giovane artista bellissima ed anticonformista giunta in Italia per frequentare l’Accademia di Belle Arti di Venezia, un giovane restauratore coraggioso e intraprendente che ha salvato  con il padre gran parte delle opere d’arte trevigiane dalla distruzione del secondo conflitto mondiale, una storia d’amore appassionata sullo sfondo di Treviso e del Veneto nella rinascita del dopoguerra.

Sono questi gli elementi di una storia bella come una favola, ma vera: tant’è che a raccontarla è il figlio dei due protagonisti, Guglielmo Botter.

Per realizzare questo libro ci sono voluti tre anni di ricerche, interviste in Italia e negli Stati Uniti ai protagonisti delle vicende narrate e la consultazione di un archivio di migliaia di foto, lettere e documenti: in gran parte inediti ma preziosi perché nel raccontare la saga dei Botter aggiungono nuovi e inaspettati tasselli alla conoscenza della storia di Treviso e della sua provincia.

Spiega l’autore: “Mentre Girolamo, Mario e Memi Botter si sono radicati così profondamente nella storia e nella cultura di Treviso da diventarne essi stessi parte integrante, le famiglie materne Longiarù e Da Cortà Fumei, protagoniste della presente narrazione, furono invece costrette ad abbandonare le amate montagne del Cadore per cercare “fortuna” nel Nuovo Mondo.

Francesco fu il primo a emigrare dal piccolo centro abitato di Pozzale nel 1892: iniziò a lavorare come minatore a soli sedici anni in un grande paese, gli Stati Uniti, che gli permise di far valere il proprio grande intuito per gli affari e di divenire in pochi anni un imprenditore di successo. Innumerevoli attraversate oceaniche hanno continuato a traghettare da una sponda all’altra dell’Atlantico gli eredi di questo pioniere, alla continua ricerca di un futuro migliore.

La perseveranza, la pazienza e il coraggio di “cambiare” il proprio destino, a costo di emigrare nuovamente, fanno parte del bagaglio di esperienze che ho ereditato da questi “viaggiatori”. Con questa mia fatica desidero ricordare i tanti sacrifici sopportati dagli avi “materni”, rendere giustizia al grande coraggio con cui hanno affrontato le dure prove della vita, di generazione in generazione, e raccontare la loro bella avventura americana.

Solamente l’amore tra Lyù e Memi, sbocciato tra le calli di Venezia (dove lei giunse nel 1954 per frequentare l’Accademia di Belle Arti), e maturato tra mille vicissitudini e difficoltà nei dieci anni successivi, avrebbe permesso di riportare definitivamente in Italia la famiglia Fumei, alla metà degli anni ‘60.

La bellissima Lyù, pittrice, attrice di teatro, paracadutista, hostess e pilota di avioleggeri lasciò un ricordo indelebile in coloro che ebbero la ventura di incrociarla, conoscerla ed apprezzarla in Italia e negli Stati Uniti prima del matrimonio. Per amore lei accettò infine di seppellirsi nella rigidità austera e bacchettona della Provincia veneta per assumere il ruolo di moglie e madre: un mondo che non fu in grado di accettarla e valorizzarla nella sua dirompente personalità e che la trasformò invece nella più classica casalinga italiana.”

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Un’americana a Treviso”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.