In offerta!

Mudande e fanele

Valutato 5.00 su 5 su base di 1 recensioni
(1 recensione del cliente)

13,00 11,00

Mutande, mutandoni e maglie di varie fogge per raccontare quattro secoli di storia delle genti alpine. Un viaggio avvolgente attraverso glutei, cosce e schiene, raccontando una cultura del vestire intimo su cui esistono pochissime testimonianze.

 

Leggi tutto

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 15 × 21 cm
A cura di

Anno

Collana

Autore

Formato

Pagine

EAN

Descrizione

Mutande, mutandoni e maglie di varie fogge per raccontare quattro secoli di storia del vestire – e non solo – delle genti alpine.

 

E’ quanto propone il volume “Mudànde e fanèle”: 192 pagine a colori scritte a più mani che trascinano il lettore in un viaggio avvolgente attraverso glutei, cosce e schiene, raccontando una cultura del vestire intimo su cui esistono pochissime testimonianze.

Che si guardi al popolano o al nobile infatti, su mutande e affini usati un tempo si conosce ben poco. Il lavoro degli autori è stato dunque direttamente sul campo, tra vecchi comò e cassapanche impolverate che hanno restituito capi di biancheria talvolta secolari e sempre sorprendenti, antesignani di una moda oggi radicalmente diversa. Il lettore sorriderà guardando le mutande con lo spacco sotto per permettere l’evacuazione anche senza denudarsi, e potrà stupirsi a scoprire che – ancora nel XIX secolo – c’era chi identificava le mutande come segno di classe e trovava sconveniente e segno di “pericolosa” emancipazione che anche i contadini le vestissero: “I giovani, altra conseguenza della leva militare, assunsero mutande, il che prima non fu mai negli usi dei nostri contadini, e perfino portano ora mutande molte delle loro tose e donne maritate” (M. Bazolle)

Raccontare di mutande è per gli autori anche occasione per indagare sull’igiene personale, strettamente correlata all’aspetto simbolico del vestire sotto gli abiti. E si scopre così che l’intimo doveva essere il più possibile candido per indicare la purezza della pelle sottostante. Niente capi colorati dunque, e pazienza se si ci si lavava più per evitare di sporcare le mutande che per tenersi puliti davvero, in linea con il pensiero che i bagni erano deleteri per la salute e la sporcizia andava tolta tramite frizioni alcoliche o similia, mascherandola con ciprie e profumi.

Anche i tessuti su cui l’intimo era realizzato hanno una storia a sé: canapa e lana sono occasione per indagare produzione, tecniche e strumenti di lavorazione in un excursus tutto popolare tra antichi saperi artigiani e gràmole, spàdole, spìgole, corléte, navesèle, telèr. Anche l’infanzia ne è coinvolta, con le testimonianze delle balie e di levatrici come Maria Pollacci, in un percorso che si conclude con le musiche popolari sul tema. Ilarità e leggerezza senza ipocrisie di canti e stornelli accompagnano il lettore nel suo accomiatarsi da un mondo di mutandoni e ciripà la cui storia, al di là del costume, fa da scenario a grandi questioni come le rivendicazioni sociali e l’emancipazione femminile.

1 recensione per Mudande e fanele

  1. Valutato 5 su 5

    Bellunesi nel Mondo – n. 3 marzo 2017

    Davvero una simpatica e interessante pubblicazione che ci svela tutti i segreti dell’ “intimo”,maschile e femminile,di un tempo, cui i curatori del testo e gli autori degli scritti si sono accostati con il desiderio di far conoscere alcuni frammenti di vita dei nostri antenati.
    Tra di essi, senza dubbio, quello trattato in questa gustosa pubblicazione non aveva avuto sinora particolare attenzione. L’argomento, i cui testi sono accompagnati da una ricca e a volte curiosa galleria di immagini, è sviscerato in vari suoi aspetti, quali la presenza dell’intimo nell’ abbigliamento popolare tradizionale, alcuni testamenti del ‘700 riguardanti il vestiario, materiali e strumenti per la fabbricazione degli indumenti, l’abbigliamento delle partorienti o dei soldati in montagna nella grande guerra, fino ad arrivare alle mudande nella musica. Un libro vario, che ha alla base una ricerca attenta e approfondita, corredata anche da una buona bibliografia.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.