In offerta!

Il viaggio di Anna Rech

12,00 10,50

Esaurito

LA STORIA DI UNA DONNA CHE FONDO’ UNA CITTA’

 

Dalle Dolomiti al Brasile per fondare presso Caxias do Sul un paese – Ana Rech– il cui nome ricorda la donna che diede inizio alla sua storia.

Come questa contadina bellunese – alla fine dell’800, quasi cinquantenne, analfabeta, vedova e madre di sette figli, di cui due minorati – sia riuscita ad entrare nella storia di una comunità che oggi conta oltre 20.000 abitanti è una vicenda appassionante: la racconta con stile lieve ed attraente Salvatore Liotta nel libro “Il viaggio di Anna Rech”, edito da DBS Zanetti.

Originaria di Pedavena, piccolo borgo in provincia di Belluno alle porte delle Dolomiti, Anna vive una situazione di abbandono, miseria e fame. Nessun aiuto riesce ad ottenere dall’autorità politica ed amministrativa a cui ricorre in cerca di lavoro per la sopravvivenza sua e dei suoi figli. In quel contesto acquista rilievo il sostegno del parroco, ma nonostante il suo affetto nessuna luce appare per la soluzione del cruciale problema della sopravvivenza. Nel 1876 l’unica alternativa è partire, direzione sud America. Un viaggio della speranza che dura quattro mesi e che si conclude con l’arrivo sui due lotti di 25 ettari ciascuno avuti in concessione nello Stato più meridionale del Brasile, il Rio Grande do Sul.  Il terreno è in una posizione strategica, si trova infatti tra i punti obbligati di passaggio per quanti salgono o scendono dalle piste dei Campos de Cima da Serra. Anna intuisce le potenzialità che questo significa: non ha cultura scolastica, ma non le mancano senso pratico e spirito d’iniziativa: svolge il fondamentale ruolo di levatrice in una giovane comunità in via di formazione e, con l’aiuto dei figli, trasforma la sua casa colonica in osteria, spaccio di generi di prima necessità e locanda dove dare ospitalità e ristoro ai viandanti.

Il locale diviene un punto di riferimento per coloni, commercianti ed allevatori locali al punto da consolidarsi come locuzione di riferimento topografico. Tale nome, diventato Ana Rech per adattamento all’idioma locale, passerà agli atti notarili, ai rapporti dei funzionari governativi, alle carte geografiche arrivando ad identificare il nucleo abitato che lentamente si svilupperà nella zona.

 

Leggi tutto

Informazioni aggiuntive

Peso 0.409 kg
Dimensioni 15 × 21 cm
Autore

Anno

Formato

Pagine

EAN

Descrizione

LA STORIA DI UNA DONNA CHE FONDO’ UNA CITTA’

Dalle Dolomiti al Brasile, l’incredibile vicenda realmente accaduta è raccontata nel libro di Salvatore Liotta

 

ViaggioAnnaRechDalle Dolomiti al Brasile per fondare presso Caxias do Sul un paese – Ana Rech– il cui nome ricorda la donna che diede inizio alla sua storia.

Come questa contadina bellunese – alla fine dell’800, quasi cinquantenne, analfabeta, vedova e madre di sette figli, di cui due minorati – sia riuscita ad entrare nella storia di una comunità che oggi conta oltre 20.000 abitanti è una vicenda appassionante: la racconta con stile lieve ed attraente Salvatore Liotta nel libro “Il viaggio di Anna Rech”, edito da DBS Zanetti.

Originaria di Pedavena, piccolo borgo in provincia di Belluno alle porte delle Dolomiti, Anna vive una situazione di abbandono, miseria e fame. Nessun aiuto riesce ad ottenere dall’autorità politica ed amministrativa a cui ricorre in cerca di lavoro per la sopravvivenza sua e dei suoi figli. In quel contesto acquista rilievo il sostegno del parroco, ma nonostante il suo affetto nessuna luce appare per la soluzione del cruciale problema della sopravvivenza. Nel 1876 l’unica alternativa è partire, direzione sud America. Un viaggio della speranza che dura quattro mesi e che si conclude con l’arrivo sui due lotti di 25 ettari ciascuno avuti in concessione nello Stato più meridionale del Brasile, il Rio Grande do Sul.  Il terreno è in una posizione strategica, si trova infatti tra i punti obbligati di passaggio per quanti salgono o scendono dalle piste dei Campos de Cima da Serra. Anna intuisce le potenzialità che questo significa: non ha cultura scolastica, ma non le mancano senso pratico e spirito d’iniziativa: svolge il fondamentale ruolo di levatrice in una giovane comunità in via di formazione e, con l’aiuto dei figli, trasforma la sua casa colonica in osteria, spaccio di generi di prima necessità e locanda dove dare ospitalità e ristoro ai viandanti.

Il locale diviene un punto di riferimento per coloni, commercianti ed allevatori locali al punto da consolidarsi come locuzione di riferimento topografico. Tale nome, diventato Ana Rech per adattamento all’idioma locale, passerà agli atti notarili, ai rapporti dei funzionari governativi, alle carte geografiche arrivando ad identificare il nucleo abitato che lentamente si svilupperà nella zona.

Scrive ad introduzione dell’opera Vitalina Maria Frosi, docente di Italianistica presso l’Università di Caxias do Sul: “Vari personaggi sono introdotti nella storia: italiani e brasiliani, persone semplici e persone di potere, uomini e donne, adulti e bambini. Il filo conduttore gira intorno al personaggio principale: Anna. Liotta dà movimento e vita a questo personaggio, conosce il suo mondo interiore, i suoi desideri e sogni, le sue frustrazioni, le sue allegrie, le sue paure, la sua insicurezza e la sua fermezza. In questo libro la finzione si unisce alla verità dei fatti storici e politici. Impressiona la conoscenza di quel che avvenne nel porto di Genova, in quello di Rio de Janeiro e in quello di Rio Grande. Il viaggio di Anna ha verità storica. Il suo arrivo in terra Brasiliana, il suo impatto con la foresta ostile dell’interno selvaggio, la paura degli insetti e delle fiere. Ma non è solo Anna che viaggia, soffre, lotta e vince. C’è universalità nella storia narrata, essa si estende a migliaia di emigranti che hanno deciso di abbandonare la propria patria in cerca di sopravvivenza in terre straniere. Il libro è una gioia in cui sono perfettamente coniugate lezioni di storia, di geografia, di politica, del sapere popolare, della saggezza custodita e trasmessa da un paese ad un altro. Tutto è raccontato in forma accattivante, con fluidità narrativa, con lo stile di chi sa molto ed è riuscito a trasmetterlo. In sintesi, il libro costituisce anche un bello e significativo omaggio ad una donna che, anche in vita, vide la comunità da lei fondata essere denominata col suo stesso nome, adesso portoghesizzato in Ana Rech”.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il viaggio di Anna Rech”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.