I dis che son poeta

10,00

Antologia di poesie dialettali. Con questo libro, spiega nell’introduzione Angelo Orsingher, Claudio Corona sceglie di andare alla riscoperta della parlata locale del Vanoi, la sua Valle. Una terra ingrugnita, come molta della sua gente. Per questo non manca di raccontare che si è figli della terra e non solo persone di quella terra.

Leggi tutto

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 14 × 21 cm
Autore

Anno

Formato

Pagine

EAN

Descrizione

Antologia di poesie dialettali.

Con questo libro, spiega nell’introduzione Angelo Orsingher, Claudio Corona sceglie di andare alla riscoperta della parlata locale del Vanoi, la sua Valle. Una terra ingrugnita, come molta della sua gente. Per questo non manca di raccontare che si è figli della terra e non solo persone di quella terra. Le sue poesie sono una sorta di canto alle peculiarità del Vanoi, di cui riesce a percepire tanti volti. Coglie stereotipi, costruisce cartoline, tratteggia affreschi con la capacità di raccontare che diverte, conforta e guida nella costruzione dei sentimenti. E’ capace di far sentire il passato del tempo, i rimpianti della gioventù, i ricordi delle persone che non ci sono più. Le sue poesie sono popolate di sogni e di riflessioni. racconta i giochi spensierati durante l’adolescenza, esamina i vari significati del viaggiare per concludere che dove esiste il ritorno esiste sempre la possibilità di raccontare ciò che si è visto, esplora nell’anima e nel presente. Regalando al lettore l’emozione di attimi d’incanto.

 

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I dis che son poeta”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.