In offerta!

Eravamo noi

18,00 15,30

Testimonianze di reduci della Seconda Guerra Mondiale.

Alcuni anziani reduci del secondo conflitto mondiale raccontano la loro avventura in guerra: drammatiche testimonianze del passato.Oggi, con lo zaino della vita carico di anni, desiderano lasciare l’eco delle loro sofferte esperienze alle giovani generazioni, per ricordare che la guerra è sempre una terribile sventura e che la pace è un bene irrinunciabile per tutti i popoli.

Scrivono gli autori: “questi ricordi di gente semplice, di gente come noi coinvolta a proprio malgrado nella Storia, ci danno la misura della vastità del dramma che questa gente, la nostra gente, ha vissuto e, nello stesso tempo, ce ne indicano alcune costanti, ci dicono che noi non siamo diversi, abbiamo solo avuto più fortuna (e non ci permettiamo di parafrasare Amos Pampaloni quando, riferendosi a Cefalonia, diceva che gli Eroi sono i morti, i Caduti, perché i vivi hanno solo ‘avuto fortuna’). Ai nostri Veci ancora vivi noi vogliamo bene e crediamo di saper intuire il significato di tale ‘fortuna’.

Leggi tutto

Informazioni aggiuntive

Peso 0.704 kg
Dimensioni 17 × 24 cm
Autore

Anno

Formato

Pagine

EAN

Descrizione

Testimonianze di reduci della Seconda Guerra Mondiale.

Alcuni anziani reduci del secondo conflitto mondiale raccontano la loro avventura in guerra: drammatiche testimonianze del passato.Oggi, con lo zaino della vita carico di anni, desiderano lasciare l’eco delle loro sofferte esperienze alle giovani generazioni, per ricordare che la guerra è sempre una terribile sventura e che la pace è un bene irrinunciabile per tutti i popoli.

Scrivono gli autori: “questi ricordi di gente semplice, di gente come noi coinvolta a proprio malgrado nella Storia, ci danno la misura della vastità del dramma che questa gente, la nostra gente, ha vissuto e, nello stesso tempo, ce ne indicano alcune costanti, ci dicono che noi non siamo diversi, abbiamo solo avuto più fortuna (e non ci permettiamo di parafrasare Amos Pampaloni quando, riferendosi a Cefalonia, diceva che gli Eroi sono i morti, i Caduti, perché i vivi hanno solo ‘avuto fortuna’). Ai nostri Veci ancora vivi noi vogliamo bene e crediamo di saper intuire il significato di tale ‘fortuna’.

Eravamo noi_testimonianze della seconda guerra mondialeQualsiasi discorso ripetuto costantemente perde di incisività, diventa frusto, annoia, può essere considerato banale pur non essendolo, rischia di cristallizzarsi in esercizio retorico; non ci sembra il caso che ciò accada anche rispetto alle memorie dei nostri Veci. Ognuno dei ricordi distillati in questo libro è un aforisma di grande portata, va meditato, deve nutrire le nostre riflessioni su un tema di cui tutti paiono occuparsi: il desiderio di pace. Nessuno, meglio dei nostri anziani, può interpretare il valore profondo di questa parola di cui oggi tutte le bocche si riempiono, così come di quell’altra, ‘guerra’, oggi talmente aborrita da essere quasi abolita dall’uso e sostituita con eufemismi e circonlocuzioni talora stucchevoli, ma così tragicamente presente, invece nella realtà dei fatti.

Ecco allora che ogni testimonianza ci pare di grande momento, di estremo interesse; un interesse che travalica il semplice impegno di raccogliere materiali utili per una ricostruzione storica della seconda guerra mondiale e si spinge verso orizzonti più ampi e, osiamo dirlo, più alti”.

Il libro è impreziosito da immagini bianco/nero della seconda guerra mondiale e da mappe dei fronti su cui si è combattuto dal 1935 all’armistizio.

 

Indice generale
Presentazione del Generale di Divisione Giovanni Marizza …….. pag. 7
Premessa di Carlo Balestra e Italo Riera ………………………………. pag. 9
La Guerra in Africa Orientale 1935 – 1941…………. pag. 19
La morte del sottotenente Bristot …………………………………. pag. 35
Porta-feriti ………………………………………………………………… pag. 43
Note…………………………………………………………………………. pag. 54
La Seconda Guerra Mondiale 1939 – 1945………….. pag. 57
L’entrata in guerra dell’Italia…………………………………………. pag. 59
La Campagna sulle Alpi Occidentali…………………………………. pag. 63
La Campagna di Grecia …………………………………………………… pag. 68
Sul Col du Mont ……………………………………………………….. pag. 87
Caro, sétu qua? ………………………………………………………….. pag. 99
è troppo doloroso parlare ……………………………………………. pag. 111
G’ho piangiù tanto …………………………………………………….. pag. 115
Faceva pena non sentir dire: “Presente!” ………………………… pag. 121
Non è così facile sparare a un tuo compagno………………….. pag. 133
Note…………………………………………………………………………. pag. 146
Guerra e guerriglia in Jugoslavia 1941-1943…………………….. pag. 155
Il colpo del cecchino ………………………………………………….. pag. 167
La mia vita o la sua …………………………………………………….. pag. 173
Vorrei ricordare Luigi e Rosario ……………………………………. pag. 187
Dalla Jugoslavia a Bracciano ………………………………………… pag. 195
Note…………………………………………………………………………. pag. 200
La Campagna di Russia 1941-1943…………………………………….. pag. 202
Con la Divisione Vicenza ……………………………………………. pag. 217
Un colpo al costato…………………………………………………….. pag. 226
Provo un po’ di rimorso ………………………………………………. pag. 230
Rinforzi per la Russia …………………………………………………. pag. 233
Dalla Sardegna alla Russia …………………………………………… pag. 235
IX Battaglione Complementi ………………………………………. pag. 241
Assalto a Nikolajevka ………………………………………………….. pag. 244
Note…………………………………………………………………………. pag. 250
La guerra in Africa Settentrionale 1940-1943…………………. pag. 254
Ho cambiato diciassette ospedali ………………………………….. pag. 263
Note…………………………………………………………………………. pag. 274
Dall’occupazione della Francia all’armistizio 1942-1943….. pag. 277
Con il Corpo Italiano di Liberazione …………………………….. pag. 286
Note…………………………………………………………………………. pag. 292
Suggerimenti bibliografici……………………………………………….. pag. 293
Indice dei nomi……………………………………………………………….. pag. 297
Indice dei luoghi……………………………………………………………. pag. 305

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Eravamo noi”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.