In offerta!

Viaggio di ritorno

12,00 10,20

Le storie di chi ha perso tutto; persone con professioni, famiglie e nomi propri improvvisamente diventate nessuno: anime derelitte che vivono per strada e che qui trovano una loro comunità. Storie che possono capitare anche a noi – spiega l’autore – perché oggi più che mai la vita muta in un attimo. “L’idea – continua Arrabito – era di compiere Le storie di chi ha perso tutto; persone con professioni, famiglie e nomi propri improvvisamente diventate nessuno: anime derelitte che vivono per strada e che qui trovano una loro comunità. Storie che possono capitare anche a noi – spiega l’autore – perché oggi più che mai la vita muta in un attimo. “L’idea – continua Arrabito – era di compiere un viaggio sia materiale che spirituale nella vita dei protagonisti che sono personaggi comuni dei giorni nostri. Per narrare il dramma ma affermare anche la speranza.

 

Leggi tutto

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 15 × 21 cm
Anno

EAN

Autore

Formato

Pagine

Descrizione

Già noto ai lettori come autore di “Memorie di un precario” (2014), dedicato al mondo del precariato scolastico italiano, Arrabito con questo secondo volume racconta le storie di chi ha perso tutto. Persone con professioni, famiglie e nomi propri che improvvisamente sono diventati nessuno: anime derelitte che vivono per strada e che qui trovano una loro comunità.

Storie che possono capitare anche a noi – spiega l’autore – perché oggi più che mai la vita muta in un attimo e ci costringe a rivedere radicalmente stili e abitudini che davamo per scontate. “L’idea – continua Arrabito – era di compiere un viaggio sia materiale che spirituale nella vita dei protagonisti che sono personaggi comuni dei giorni nostri. Per narrare il dramma ma affermare anche la speranza.

Nella prima parte “Brandelli” ho presentato i vari personaggi visti nella battaglia quotidiana per la sopravvivenza. Vivono tutti per la strada, cercano di arrangiarsi in qualche modo, formano una comunità strana di anime derelitte eppure conservano ancora la loro dignità. Hanno perso tutto: lavoro, casa, famiglia…perfino il loro nome simbolo della loro identità (quasi tutti vengono identificati con il soprannome che acquistano diventando parte dell’universo strada). Si delineano personaggi con caratteristiche e background culturali diversi tutti però ridotti allo stesso stato di sopravvivenza e convivenza forzata.

Nella seconda parte “Bassorilievi” vi è un salto temporale all’indietro. I vari personaggi vengono presentati nelle loro vite precedenti con professioni, famiglie e nomi propri. Per tutti qualcosa però è andato storto e sono precipitati inesorabilmente verso l’abisso in cui si ritrovano ora. E’ il viaggio di andata verso una conoscenza più profonda di sé stessi e dell’umanità che li circonda: cambiano i punti di vista da cui si vedono le cose, cambiano le relazioni interpersonali, cambiano i parametri di valutazione della vita.

Nella terza parte “Barlumi” viene offerta loro la possibilità di una redenzione, di un nuovo inizio. Il viaggio sembra concludersi verso un ritorno: si ritorna verso ciò che si era ma si ricomincia comunque daccapo. Nulla è mai come prima. I viaggi cambiano chiunque li compia. Tra i personaggi principali non tutti accettano o capiscono la possibilità offerta loro; qualcuno è restio o non crede nella redenzione. Alcuni invece provano a ricominciare consci di quello che hanno imparato e della loro nuova “umanità”.

La conclusione cerca di mostrare, seppur di sfuggita, la circolarità della vita: per coloro che compiono il viaggio di ritorno c’è sempre qualcuno che sta facendo quello d’andata. Ci si incontra nello stesso luogo ma si è diretti in direzioni opposte; nessuno può spiegare all’altro da dove proviene o verso dove sta andando; ognuno deve compiere il proprio viaggio da solo”.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Viaggio di ritorno”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.