In offerta!

Strade e sentieri di guerra in Cadore Ampezzano e Comelico

7,00 6,00

44 itinerari di interesse storico-militare alla vigilia della Grande Guerra. Corredati di profilo e documentati in base alle notizie ufficiali disponibili alla fine del 1912. Con 3 rappresentazioni grafiche dei fiumi Piave, Ansiei e Boite con tutti i porti, ponti, passi, e passerelle dell’epoca.

 

Leggi tutto

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 12 × 23 cm
Anno

Autore

Formato

Pagine

Descrizione

Itinerari grande guerra – 44 itinerari di interesse storico-militare alla vigilia della Grande Guerra. Corredati di profilo e documentati in base alle notizie ufficiali disponibili alla fine del 1912.

Con 3 rappresentazioni grafiche dei fiumi Piave, Ansiei e Boite con tutti i porti, ponti, passi, e passerelle dell’epoca.

Difendere i valichi alpini e i confini dolomitici: era questo uno dei fondamenti della strategia difensiva italiana da fine Ottocento.  Per questa ragione, proprio in quel periodo, si videro sorgere in zone alpine quali il cadore fortificazioni come Monte Rocco, batteria Castello, Forte Monte Tudaio, Forte Monte Rite. L’obiettivo per cui tali fortezze vennero realizzate era di controllare i locali collegamenti e sbarrare la strada a un possibile nemico. Anno dopo anno tali strutture divennero un complesso così articolato e interconnesso da imporre la realizzazione di nuove vie d’accesso e di una congrua rete viaria.

Sono strade e sentieri nati per la guerra ma ad essa sopravvissuti e che l’escursionista ripercorre ancor oggi spesso senza saperne l’origine. Con questa guida gli autori vogliono restituire a turisti e curiosi la consapevolezza delle origini e della storia dei percorsi che attraversano. Sono 44 itinerari – talora impegnativi in alta montagna e tal altra frequentatissime vie di fondovalle – accomunate da una origine militare e da un destino infelice.

Dopo il 24 maggio 1915 infatti, e ancor più dopo Caporetto, i territori considerati furono tagliati fuori da una linea di fronte più avanzata. Ai primi di novembre del 1917 forti postazioni carrarecce e mulattiere furono abbandonati in tutta fretta e l’intera Fortezza Cadore-Maè si afflosciò ingloriosamente  senza esprimere alcuna propria potenzialità.

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Strade e sentieri di guerra in Cadore Ampezzano e Comelico”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello
Ultimi Prodotti
Sei una libreria?
DBS Vendita Libri - Libreria