In offerta!
Il Canale di Brenta_Grande Guerra

Il Canale di Brenta

€6,00 €5,10

12 escursioni nel Veneto fra i paesaggi, la storia e la cultura del tratto di valle tra Bassano e Primolano. 

Un’escursione da queste parti non conduce mai ad un rifugio con pronto un piatto di polenta fumante ma offre molto di più: insegna a “leggere” con maggiore consapevolezza i tratti di un paesaggio che, dall’interno, appare straordinario e permette di vedere da vicino quei luoghi della Prima Guerra Mondiale che determinarono la scrittura di molte pagine della storia d’Italia. Ma se gli elementi più evidenti del Canale di Brenta sono quelli legati alla tipologia delle abitazioni, alle “masiere” (terrazzamenti) e alle opere militari, non dobbiamo dimenticare che percorrendo le sue mulattiere è facile imbattersi in altri manufatti costruiti nell’arco di
molti secoli. Piccole necropoli, antiche vie di comunicazione, chiesette, vecchi insediamenti, variopinti capitelli votivi testimoniano, infatti, l’importanza che questa via di passaggio dal nord verso la pianura ha assunto nel corso del tempo, a partire dagli anni più remoti.
Leggi tutto

Informazioni aggiuntive

Peso 0.137 kg
Dimensioni 11 x 16 cm
Autore

Ennio Poletti

Anno

2011

Formato

cm 11 x 16

Pagine

91

EAN

978885302850

Collana

Centopiedi

Descrizione prodotto

12 escursioni nel Veneto fra i paesaggi, la storia e la cultura del tratto di valle tra Bassano e Primolano.
“Il Canale di Brenta è un tratto della Valsugana stretto a est dal Massiccio del Grappa e a ovest dall’Altopiano di Asiago. È una porzione del territorio veneto tra Bassano del Grappa e Primolano che si percorre quasi sempre per andare da un’altra parte. La strada che costeggia il fiume Brenta attraversa paesaggi e piccoli centri urbani che raramente catturano l’attenzione del viaggiatore, frettoloso invece di raggiungere la pianura o i più vasti panorami del vicino Trentino. Quegli edifici di mezza costa alti e stretti dalle finestre quasi sempre chiuse, o i muri di sostegno dei tanti terrazzamenti aggrappati alle sponde scoscese di questa valle, non lasciano indifferente, però, chi ha la curiosità di capire perché nei secoli un ambiente così poco ospitale abbia potuto aggregare le comunità di persone che questi segni hanno trasmesso. Inoltrarsi a piedi lungo i tanti sentieri che, partendo dal fondovalle, superano pareti spesso verticali, è uno dei modi per cercare di comprendere questo territorio.
Un’escursione da queste parti non conduce mai ad un rifugio con pronto un piatto di polenta fumante ma offre molto di più: insegna a “leggere” con maggiore consapevolezza i tratti di un paesaggio che, dall’interno, appare straordinario e permette di vedere da vicino quei luoghi della Prima Guerra Mondiale che determinarono la scrittura di molte pagine della storia d’Italia. Ma se gli elementi più evidenti del Canale di Brenta sono quelli legati alla tipologia delle abitazioni, alle “masiere” (terrazzamenti) e alle opere militari, non dobbiamo dimenticare che percorrendo le sue mulattiere è facile imbattersi in altri manufatti costruiti nell’arco di
molti secoli. Piccole necropoli, antiche vie di comunicazione, chiesette, vecchi insediamenti, variopinti capitelli votivi testimoniano, infatti, l’importanza che questa via di passaggio dal nord verso la pianura ha assunto nel corso del tempo, a partire dagli anni più remoti. Questa piccola guida contiene una serie di escursioni circolari che riassumono gli aspetti storici, antropici e paesaggistici di questo microcosmo, a torto trascurato da molti escursionisti. Gli itinerari proposti non hanno solamente lo scopo di mantenere allenato il fisico fuori dall’estate in attesa delle grandi montagne ma offrono anche il piacere di scoprire le innumerevoli ricchezze
nascoste di un territorio che quasi sempre, con occhio distratto, vediamo scorrere attraverso il finestrino di un’auto.”
INDICE
Introduzione
Itinerari
1. MONTE CAINA E “TRINCERONI ” DEL CA MPOLONGO
2. CRESTA DEI CAVALLINI E CHIESETTA DI SAN GIORGIO
3. SENTIERO “EL VU”
4. ANTICHI IN SEDIA MENTI DI VAL STAGNA
5. “SANNA ZARA ” E VAL MUNARE
6. MONTE CIMO E CALA’ DEL SASSO
7. SENTIERO STORICO DELLE ASTE ROSSE
8. CASARETTE SULL ’ALTA VIA DEL TA BACCO
9. LOKE, GODELUNA , VAL GODA E IL SENTIERO
DEI CAPITELLI
10. CISMON , NECROPOLI E CA SE COLI
11. DA PIO VEGA A ENE GO PER COL BARTAI SE
12. COL DEL GALLO
Carrello