In offerta!
Grande Guerra: dalle Dolomiti al Grappa.

Dalle Dolomiti al Grappa.

€15,00 €13,50

Esaurito

Grande Guerra – La ritirata dal Cadore dopo Caporetto. Il dramma strategico, gli eroismi e le sofferenze dei nostri soldati e delle popolazioni civili, le distruzioni morali e materiali, in Val Boite, Val Ansiei, Val Maè e Val Piave dal 24 ottobre al 10 novembre 1917.

 

Leggi tutto

Informazioni aggiuntive

Peso 0.516 kg
Dimensioni 17 x 24 cm
Autore

Walter Musizza, Giovanni De Donà

Anno

1999

Formato

17 x 24

Pagine

180

Descrizione prodotto

Grande Guerra – La ritirata dal Cadore dopo Caporetto.

Il dramma strategico, gli eroismi e le sofferenze dei nostri soldati e delle popolazioni civili, le distruzioni morali e materiali, in Val Boite, Val Ansiei, Val Maè e Val Piave dal 24 ottobre al 10 novembre 1917.

Fin dal 1866, appena conclusasi l’eco delle fucilate – se non delle polemiche – della III guerra d’indipendenza, i nostri vertici militari avevano individuato sulle montagne e nelle valli del Cadore uno dei teatri strategici principali della prossima e pressochè annunciata partita contro l’Austria. Nella convinzione di dover organizzare una difesa elastica, in grado di tener testa ad un’iniziale scontata superiorità nemica e di alimentare poi una decisiva controffensiva, strateghi di diversa scuola e di differente valore concepirono sulle Dolomiti ambiziosi forti corazzati e rassicuranti linee di resistenza ad oltranza, costituenti la cosiddetta “Fortezza Cadore – Maè”.

Eppure tale formidabile apparato fallì inopinatamente nel bailamme del dopo Caporetto, tradendo gli sforzi e le aspettative non solo di molti nostri reparti ancora integri e ben saldi sulla linea del fronte, ma pure dell’intera popolazione cadorina che in quegli impianti aveva investito ineffabili sacrifici e speranze.

Questo libro vuole essere la paziente e serena ricostruzione di una ritirata inattesa, concitata ed amarissima, segnata da innumerevoli travagli militari e civili, ma contemporaneamente scandita da frequenti e generosi eroismi, troppo frettolosamente dimenticati dalla Patria nell’ansia dell’attesa della rivincita di Vittorio Veneto.

Il libro è impreziosito da rare immagini e disegni b/n che affiancano, documentandolo, il racconto dei due autori. La narrazione storica è arricchita dalla trascrizione di testimonianze del tempo quali il diario del maestro Matteo Del Favero Goluto e del maestro Augusto Serafin.

 

INDICE

1 – Dall’alto al basso Piave: la ritirata della IV Armata

2 – 7 e 8 novembre, l’ultima resistenza in Cadore

3 – Il teatro degli scontri senza memoria

4 – Addio crode di casa mia

5 – Rommel, la volpe di Longarone

6 – Il Calvario di una divisione carnica

7 – Io non mi arrendo

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Dalle Dolomiti al Grappa.”

Carrello