In offerta!
La storia del forte corazzato di Forte Leone a Cima Campo. Progettazione, costruzione, vita di guerra, guida fotografica ai resti attuali.
Forte Leone_Sommario1_EdizioniDBSForte Leone_Sommario2_EdizioniDBSForte Leone_Pagina_026_EdizioniDBSForte Leone_Pagina_033_EdizioneDBS

1906-1918 UN LEONE FRA BRENTA E CISMON

3 su 5 in base a 2 valutazioni del cliente
(2 recensioni dei clienti)

€15,00 €12,75

La storia del forte corazzato di Cima Campo. Progettazione, costruzione, vita di guerra, guida fotografica ai resti attuali. Attingendo a fonti anche inedite Luca Girotto ricostruisce la storia di Forte Leone di Cima Campo, la più imponente e costosa fortezza dello sbarramento Brenta Cismon.

 

Leggi tutto

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 16 x 23 cm
Anno

2016

Autore

Luca Girotto

Collana

Sulle tracce della Grande Guerra

EAN

9788899369385

Formato

16,5 x 23,5

Pagine

328

Descrizione prodotto

La storia del forte corazzato di Cima Campo. Progettazione, costruzione, vita di guerra, guida fotografica ai resti attuali.

Attingendo a fonti anche inedite Luca Girotto ricostruisce la storia di Forte Leone di Cima Campo, la più imponente e costosa fortezza dello sbarramento Brenta Cismon.

Copertina Forte Leone_quartaFu la più imponente e costosa fortezza dello Sbarramento Brenta Cismon, così moderno e potente da essere chiamato “forte Leone”: la storia della fortificazione di Cima Campo ad Arsiè è ora ricostruita dallo storico Luca Girotto nel suo nuovo libro “1906-1918 Un leone fra Brenta e Cismon”. Fresco di stampa per Edizioni DBS il volume  delinea in 328 pagine la storia e il presente dell’opera corazzata. Dalla sua progettazione alla costruzione, dalla vita di guerra al tracollo fino ai recenti interventi di recupero, Forte Leone è raccontato come finora nessuno aveva mai fatto, grazie anche al supporto di una mole di documenti e fotografie imponente e in gran parte inedita.  Ne risulta una storia completa ed appassionante, capace di fugare dubbi ed interrogativi rimasti finora irrisolti.

Spiega l’autore: “La fase iniziale del conflitto, spostando immediatamente il fronte molto più ad ovest, impedì a Forte Leone un’immediata prova del fuoco. Spogliata gradualmente delle armi pesanti, delle mitragliatrici e financo delle attrezzature tecniche, la fortezza dovette assistere da lontano ai primi due anni e mezzo della guerra di Valsugana riducendosi a semplice magazzino per i materiali destinati al fronte nord del Brenta. E dopo Caporetto, quando forte Leone avrebbe potuto finalmente assumere un ruolo determinante come perno della resistenza delle retroguardie italiane durante il ripiegamento sul monte Grappa, esso non era più che un vuoto scatolone di pietra, acciaio e cemento. Eppure attorno ad esso potè svilupparsi quella poco nota “battaglia di rallentamento” risultata determinante nel concedere all’esercito italiano tempo, uomini e morale sufficienti a ricostruire tra Brenta e Piave un estremo argine all’invasione della pianura veneta. Quello stesso argine sul quale si sarebbero infrante le ultime speranze di vittoria, o almeno di pace onorevole, dell’esercito imperiale”.

Attingendo a testimonianze dell’epoca e a fonti per la prima volta accessibili al pubblico, Luca Girotto fa anche chiarezza sulla “cattura del Leone”, ossia la battaglia che vide l’opera corazzata soccombere nonostante l’accanita resistenza del battaglione alpino Monte Pavione che si era asserragliato al suo interno.

Il libro si chiude con la guida al forte, corredata da una qualificata e corposa cartografia e da un’apparato iconografico che offrono anche al visitatore meno preparato la possibilità di comprendere dall’interno struttura e funzione di questo imponente esempio di architettura militare.

 

2 recensioni per 1906-1918 UN LEONE FRA BRENTA E CISMON

  1. 1 di 5

    :

    http://www.fortificazioni.net
    Era da molto tempo che non si vedeva un libro fatto bene come questo!!
    Già il sottotitolo potrebbe essere una valida presentazione di questo lavoro. Bisogna dare atto a Girotto di avere scelto il giusto mix di questi argomenti e di aver scritto un libro che riesce a far conoscere sotto tutti i vari aspetti questa fortificazione.
    Abbiamo presentato molti libri che si occupano quasi esclusivamente della parte storica; molti altri che privilegiano la parte costruttiva e architettonica; altri ancora che si limitano ad accompagnare il lettore nella visita.
    Questo, come già detto, ha il pregio di soddisfare sicuramente tutti i lettori, dall’escursionista allo specialista.
    Merita una citazione particolare il lavoro fatto dall’architetto Fabrizio Pat di Feltre. A lui si devono i disegni e il rilievo in 3D dell’opera.
    Bisogna fare anche i complimento all’editore, che ha voluto pubblicare un libro così importante ad un prezzo molto basso.
    Un acquisto obbligato per gli studiosi di fortificazioni

  2. 5 di 5

    :

    Luca Girotto, brillante divulgatore della storia della Grande Guerra sul fronte trentino, nel bel volume “Un leone fra Brenta e Cismon”, narra le vicende del forte corazzato di Cima di Campo, terminato di costruire nel 1906 per la difesa di uno dei tratti meridionali della frontiera tra regno d’Italia ed impero Austro-Ungarico. Il forte avrebbe dovuto essere un argine invalicabile a difesa delle valli del Brenta e del Cismon. Invece, nel corso della guerra risultò subito inutilizzabile e fu disarmato. Solo nel novembre 1917 divenne un caposaldo per frenare l’avanzata austriaca, ove si immolò un battaglione di alpini, che così diede tempo alle truppe italiane di allestire il nuovo fronte sul monte Grappa. La pubblicazione si fa apprezzare per la accurata descrizione dei progetti, dei lavori edificatori, del funzionamento, dell’attività bellica della possente opera fortificata e per le magnifiche fotografie, molte d’epoca, che corredano il libro. Peraltro, dalla lettura traspare l’assoluta negatività del rapporto costi-benefici, come diremmo oggi, della realizzazione del forte di Cima di Campo, come delle coeve opere similari, già obsolete mentre si stavano costruendo, perché vulnerabili senza rimedio ai colpi delle artiglierie, nel frattempo evolute più rapidamente dell’arte fortificatoria. (recensione di Luciano Luciani)

Aggiungi una recensione

Carrello